DISABILI E LAVORO: IL PROGETTO FARMACIE

La Farmacia Santa Marta di Torino è lieta di partecipare ad un progetto di forte impatto sociale, il “PROGETTO FARMACIE”; esso prevede l’implementazione di quel formulato teorico e l’individuazione di una specifica procedura degli inserimenti lavorativi in farmacia che consenta di migliorare i livelli di performance delle persone disabili scelte (disabili fisici sensoriali e intellettivi compatibili con le attività previste), destinate a svolgere quelle numerose mansioni che non richiedono l’intervento di un farmacista esperto.

Può un DISABILE lavorare in FARMACIA? La sperimentazione.

Prosegue la collaborazione fra La Bottega e il Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco. Da due settimane è ufficialmente partita la fase sperimentale della seconda tesi di Laurea in Farmacia che ci vede coinvolti attivamente e per la quale la tesista Giulia Austa sta riprendendo il precedente lavoro della Dr.ssa Valentina Guastafierro.

progetto-farmacie-1

Il progetto prevede di implementare quel formulato teorico e di delineare una specifica procedura degli inserimenti lavorativi in farmacia che consenta di migliorare i livelli di performance delle persone disabili individuate (disabili fisici sensoriali e intellettivi compatibili con le attività previste), destinate a svolgere quelle numerose mansioni che non richiedono l’intervento di un farmacista esperto.

La giovane tesista con cui abbiamo il piacere di collaborare ha avviato i momenti di formazione propedeutici all’avvio dei successivi tirocini e, nell’insegnamento delle procedure, è coadiuvata dal preziosissimo Marco Neri, il migliore tra i tirocinanti che hanno partecipato alla sperimentazione collegata alla prima tesi.

La formazione in gruppo, in svolgimento nei locali del nostro “Centro Capolavoro”, verte anche sull’uso dei software specifici adottati nelle farmacie di Torino e Provincia (FARMACONSULT e FARMALINE) e su un centinaio di confezioni di farmaci (donate dal Sermig) per l’espletamento delle varie procedure già codificate. La fase in aula si concluderà nel mese di novembre e a dicembre partiranno i primi tirocini. Lavoriamo insieme per ampliare i possibili spazi di inserimento lavorativo per persone con disabilità.

progetto-farmacie-2
progetto-farmacie-3
progetto-farmacie-6

PROGETTO “Scuola di Formazione”

Il Progetto “Scuola di formazione per disabili in farmacia” è un progetto di tesi sperimentale di Giulia Austa che nasce dall’idea di dare futuro ed applicabilità alla precedente tesi “Disabilità e Farmacia: studio di fattibilità” di Valentina Guastafierro (ottobre 2016). Visti i buoni esiti della sperimentazione precedente, l’idea è stata quella di realizzare ed istituire, presso la Cooperativa Sociale La Bottega, una Scuola di formazione per altri giovani disabili, basata sulle attività pratiche sperimentate durante il percorso di tesi e finalizzata al loro inserimento lavorativo in farmacia.

La Scuola provvederà quindi alla formazione sia teorica sia pratica, prodromica ad un’esperienza di stage; il progetto è portato avanti dalla tesista Giulia Austa, la quale si occupa di seguire tutte le fasi di formazione: sia presso la Cooperativa, insegnando le procedure proposte per un totale di 30 ore di lezione, sia in Farmacia, accompagnando i ragazzi nella loro esperienza di tirocinio.

È pertanto necessaria la presenza nel Progetto di una Farmacia presso la quale svolgere le attività apprese nella Scuola: l’obiettivo è quello di insegnare al ragazzo disabile come muoversi all’interno della Farmacia, in quanto risulta non sufficiente un’unica formazione presso la Cooperativa, ambiente più familiare e protetto, rispetto all’ambiente del tutto nuovo come quello di una farmacia territoriale.

progetto-disabili-torino